Guida: il TAN e il TAEG

Se abbiamo bisogno di denaro per i nostri studi post universitari, per aprire una piccola attività, per organizzare un matrimonio ecc., ma non abbiamo il capitale necessario, occorre ricorrere ad un prestito personale, cercando la banca o la finanziaria che può farci l’offerta più conveniente. Per trovare i prestiti personali più interessanti, ordinandoli per il tasso di interesse, occorre valutare diversi parametri.

Come calcolare Tan e Taeg

Questi parametri sono innanzitutto lo spread e il taeg, che sanciscono il costo effettivo del finanziamento in base al tasso di interesse che la finanziaria o la banca vi applicano e i costi di gestione della pratica.

Lo spread rappresenta quello che sarà il costo del mutuo in virtù degli interessi. Questi, infatti, variano a seconda dello spread, e più lo spread è alto più saranno alti. Come si può ben capire, quando si sceglie un prestito personale, è opportuno scegliere l’istituto di credito in base a questo valore, che stabilirà poi la rata che si dovrà versare per la durata del finanziamento. Per trovare gli istituti di credito che hanno i tassi di interesse e quindi lo spread più bassi, è consigliato ricorrere al web per ottenere dei preventivi direttamente online, cioè da casa con il vostro computer.

Perchè esaminare il taeg

Il taeg, tasso annuale effettivo globale, è il secondo parametro sulla scala di importanza, in quanto rappresenta il costo annuale del finanziamento in virtù del tasso di interesse applicato dalla banca e dei costi di gestione annuali. Grazie a questo parametro potremo vedere se il tasso che ci viene proposto rimarrà uguale per tutta la durata del prestito o è soltanto promozionale, cioè dura per alcuni mesi e poi si alza.

Diverse finanziarie e banche applicano, infatti, dei tassi promozionali che valgono solo alcuni mesi per attirare i clienti. Così facendo, crediamo di risparmiare ma alla fine rischiamo di pagare più che con gli altri istituti. I prestiti sono, infatti, una maratona e vanno valutati secondo l’intero periodo.

Altra cosa importante che possiamo valutare grazie al taeg, è il costo di gestione della nostra pratica. Alcune banche hanno, infatti, costi di gestione più alti di altre, ed addirittura delle banche online non ne hanno affatto. Questi fattori sono rilevanti da valutare nella scelta del finanziamento, perchè incidono notevolmente sulla nostra rata e non occorre trascurarli, nè soffermarci soltanto sul tasso di interesse.

Valutare online dei prestiti personali è semplicissimo, occorre soltanto collegarsi al sito ufficiale delle varie banche e finanziarie che si desidera prendere in esame e compilare l’apposito form che è disponibile online nella sezione prestiti personali della banca o finanziaria che abbiamo scelto. Ci verranno richiesti i dati del richiedente, il capitale che si vuole prendere e gli anni entro i quali si intende restituirlo.

Un altro modo veloce e sicuro è quello di ricorrere ai link presenti su questo sito per accedere alle migliori opportunità presenti online.

Autore dell'articolo: finanzitalia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *